Blog

Gravidanza e Micronutrienti: Vitamine

by in NEWS Aprile 2, 2021

Il ruolo dei micronutrienti è largamente riconosciuto a livello scientifico. Un adeguata assunzione di tali sostanze favorisce la prevenzione in gravidanza di malformazioni fetali, riduce il rischio di parto prematuro e basso peso alla nascita, favorisce il corretto sviluppo de sistema nervoso del feto/neonato e protegge la salute della mamma. I micronutrienti sono coinvolti nella struttura, nella crescita, nello sviluppo, nelle funzioni del metabolismo e nei sistemi di protezione dell’organismo umano. Recenti studi in Europa hanno purtroppo rilevato un deficit nell’assunzione delle vitamine e dei sali minerali in buona parte delle donne, sia durante il periodo pre-concezionale sia durante la gravidanza.

Si riporta di seguito una tabella indicativa delle quantità di micronutrienti che una donna in stato interessante dovrebbe assumere ogni giorno. Va sottolineato che se una donna segue un’alimentazione varia, consumando quotidianamente alimenti quali frutta, latte e verdure, tutti i fabbisogni di vitamine, con eccezione dell’acido folico saranno soddisfatti. Nel caso in cui non si è in grado di seguire un’alimentazione corretta ed equilibrata, e dagli esami ematici risultano evidenti carenze allora la loro integrazione diventa importante.

ACIDI GRASSI ESSENZIALI                    OMEGA 6:5

OMEGA 3:1

CALCIO                                                  1200mg

FOSFORO                                              1200mg

POTASSIO                                             3100mg

FERRO                                                   30mg

ZINCO                                                    7mg

RAME                                                    1,2mg

SELENIO                                               55mcg

IODIO                                                   175 mcg

TIAMINA o VITAMINA B1                 1mg

RIBOFLAVINA o VITAMINA B2        1,6mg

NIACINA o VITAMINA B3                 14mg

VITMINA B6                                        1,3mg

VITAMINA B12                                  2,2mcg

VITAMINA C                                      70mcg

FOLATI                                               400mcg

VITAMINA A                                     700 mcg

VITAMINA D                                    10mcg

 

Vitamine

Le vitamine del gruppo B sono numerose e ciascuna ha all’interno dell’organismo una specifica funzione correlata con il corretto metabolismo dei carboidrati, delle proteine e dei grassi nonché con il corretto funzionamento del sistema nervoso. Sono vitamine idrosolubili, ovvero che si sciolgono in acqua, perciò eccessivi lavaggi e la cottura degli alimenti ne provocano una discreta perdita.

Fonti principali: alimenti di origine animale e vegetale, cereali e derivati integrali, germe di grano.

 

VITAMINA                                                          FONTI ALIMENTARI PRINCIPALI

Tiamina (vit. B1)         Cereali, lievito di birra, germe di grano, soia, carne di maiale, noci, fagioli, piselli, uova

Ribofavina (Vit. B)      Cereali, legumi, carne d maiale, lievito di birra

Niacina (vit.PP o vit B3)   carne e pesce, legumi e cereali integrali

Acido pantotenico (vit. B5)   Alimenti di origine animale e vegetale, soprattutto tuorlo d’uovo carni e legumi

Piridossina (vit. B6)                      Carne, pesce, legumi e noci

Biotina (vit. H)        lievito di birra, cereali integrali, uova, latte, frutta, verdure

Folati e Acido Folico (vit. B9) ortaggi verde scuro come spinaci, bietole, broccoli. Anche legumi e noci ne

contengono quantità apprezzabili

Cobalamina (vit.B12)                 Carne, pesce, latte e uova

 

 

L’acido folico (vitamina B9) è importantissimo per la prevenzione della spina bifida e dell’anencefalia (difetti di sviluppo del tubo neurale fetale).

L’incremento dell’apporto in gravidanza deve essere almeno di 400 microgrammi al giorno. L’integrazione dei folati dovrebbe iniziare almeno tre mesi prima del concepimento ove sia “programmato”. E’ una vitamina idrosolubile pertanto si perde durante la cottura, la conservazione ed i lavaggi prolungati.

E’ consigliato consumare verdure il più possibile fresche, lavandole ma senza lasciarle in ammollo per ore preferendo poi una cottura al vapore.

Oltre all’acido folico anche le altre vitamine del gruppo B, soprattutto la vitamina B2 (riboflavina), la vitamina B6 (piridossina) e la vitamina B12 (cobalamina) contribuiscono alla produzione dei neurotrasmettitori del sistema nervoso e rientrano in quello che viene definito ciclo dell’omocisteina, una sostanza che se presente in eccesso, provoca malformazioni fetali e difetti placentari. Per questo motivo si raccomanda una adeguata assunzione di tutte le vitamine del gruppo B.

Le fonti principali di queste vitamine sono state elencate sopra.

Attenzione quindi alle diete vegane in quanto la vitamina B12 si trova solo negli alimenti di origine animale.

Si ricorda che essendo tutte vitamine idrosolubili (ovvero che si sciolgono in acqua), maggiore è la durata della cottura in acqua, maggiore sarà la loro dispersione.

La vitamina C, come noto, rinforza le difese naturali e protegge dalle infezioni. Essa ha anche la funzione di favorire l’assorbimento del ferro non-eme, ovvero quello contenuto negli alimenti vegetali. E’ una vitamina “delicata” che si degrada facilmente con il calore e l’esposizione all’aria.

Fonti principali: alimenti freschi quali la frutta e la verdura; maggiormente presente in kiwi, agrumi, fragole, peperoni, broccoli, spinaci, radicchio.

Si consiglia di consumarli freschi, di stagione o a seguito di cottura a vapore o a pressione.

La vitamina A (retinolo e carotenoidi) è indispensabile per il corretto sviluppo embrionale e la crescita del feto, nonché per la visione, la riproduzione e l’integrità del sistema immunitario. E’ una vitamina liposolubile, ovvero il cui assorbimento avviene attraverso i grassi.

Fonti principali: il retinolo si trova in natura solo in alimenti di origine animale, prodotti lattiero caseari, uova ed alcuni pesci. I carotenoidi invece si trovano sia nei prodotti di origine animale quali il latte, il burro ed i formaggi, sia in alimenti vegetali quali frutta e verdura di colore arancione, giallo e rosso (pomodori, carote, albicocche, melone, cachi, etc.).

La vitamina D è indispensabile per l’assorbimento del calcio è coinvolta nel metabolismo sia del calcio che del fosforo: è perciò fondamentale per la salute delle ossa.

Fonti principali: in minime quantità la possiamo trovare in olii di pesce, pesce azzurro, salmone, tuorlo d’uovo e burro.

La vitamina D viene prodotta grazie all’esposizione al sole!

La vitamina E (tocoferolo) è una vitamina liposolubile ad attività antiossidante e si trova soprattutto negli alimenti di origine vegetale.

Fonti principali: olii vegetali, frutta secca, spinaci, broccoli, crescione, cereali. La vitamina E viene persa a seguito della cottura (bollitura, frittura, cottura in forno).

La vitamina K è implicata nei meccanismi della corretta coagulazione del sangue e nel metabolismo osseo.

Fonti principali: fegato, ortaggi a foglia verde come il cavolo, le cime di rapa e gli spinaci. Minori quantità si trovano nei cereali, carne, latticini e frutta.

    Cart